giustiziami

Cronache e non solo dal Tribunale di Milano

Anarchica fa sciopero della fame nel carcere dei pestaggi

Questo post è stato letto 1788 volte.

Nel carcere dei pestaggi e dei detenuti di Santa Maria Capua Vetere dove l’inchiesta ha portato a 52 misure cautelari a carico di funzionari e agenti penitenziari c’è una reclusa anarchica Natascia Savio che fa lo sciopero della fame dal 17 giugno scorso perché considera lesi i suoi diritti di difesa.
Savio è sotto processo a Torino per associazione sovversiva ma a piede libero perché le manette erano state annullate dal Tribunale del Riesame. A Genova invece è imputata per l’invio di pacchi esplosivi.
Savio è in sciopero della fame per protestare contro le sue attuali condizioni detentive che le impediscono di avere rapporti continuativi con i suoi familiari e il suo avvocato e che costituiscono un’evidente diminuzione delle sue possibilità difensive.
Savio è anarchica. È detenuta in custodia cautelare dal marzo del 2019. Da marzo di quest’anno, proprio nell’imminenza dei due processi a suo carico, è stata trasferita a Santa Maria Capua Vetere, che dista circa 1.000 Km dal luogo di residenza dei suoi familiari e dallo studio del suo legale. L’avvocato Claudio Novaro si è rivolto al Garante dei detenuti che ha risposto, confermando di aver avviato un’interlocuzione con il ministero.
Sono state inviate anche plurime istanze al DAP – nella speranza di ottenere un suo trasferimento in un carcere vicino al luogo di celebrazione dei suoi processi e attrezzato per consentirle di consultare gli atti. Tutto finora senza esito. (frank cimini)

Categoria: Terrorismo