giustiziami

Cronache e non solo dal Tribunale di Milano

Nuovo scontro, pm contro Bruti su nomine anti terrorismo

Questo post è stato letto 2865 volte.

Non è finita, e che potesse davvero finire ci ha creduto solo il Csm quando ha cacciato Alfredo Robledo da Milano.

Questa volta all’ombra dei marmi del Piacentini ci si accalora sulla nomina da parte di Edmondo Bruti Liberati del pm Enrico Pavone al quarto dipartimento che si occupa di terrorismo e reati informatici. E non è così importante capire chi ha ragione e chi ha torto, ciò che conta è la sensazione di una Procura ancora livida di tensioni.

Ma veniamo alla nuova polveriera. Dopo l’addio all’esperta in eversione Grazia Pradella, migrata a Imperia, si era aperto un concorso interno per scegliere un sostituto.  In fila per conquistare un posto erano in sette ma alla fine il capo ha scelto il 18 marzo scorso Pavone. A tre degli ‘sconfitti’, Francesco Cajani, Paola Pirotta e Alessandro Gobbis, non è piaciuta la modalità con cui Bruti ha selezionato il pm, a loro dire senza motivare la scelta tant’è che nel provvedimento di nomina non risulta traccia formale della loro bocciatura. I tre hanno investito delle loro perplessità il Consiglio giudiziario che nei prossimi giorni convocheràMaurizio Romanelli, capo del pool, per ascoltare la sua versione e  dovrà anche pronunciarsi sulla possibile irregolarità della nomina di Pavone, il quale non avrebbe trascorso, come prevede il Csm, due anni in un dipartimento prima di passare a un altro.

Vi chiederete: ma perché quei tre volevano prendere il posto di Grazia Pradella quando già stanno nel quarto dipartimento? Perché ritengono di essere stati emarginati in questi mesi dalle inchieste di terrorismo e ‘costretti’ a occuparsi per lo più di reati informatici. E perché erano emarginati? Forse, azzardiamo, in quanto considerati ‘roblediani’ ? Che fosse o meno così - Bruti rivendica la correttezza della sua scelta (“Sono state rispettate le regole, le domande erano inammissibili ed era giusto assegnargli meno fascicoli di terrorismo “) –  rieccoci al punto di partenza. Il Csm, che da mesi tergiversa sull’incompatibilità ambientale di Bruti, come ha potuto credere di risolvere una frattura così profonda in Procura solo cacciando Robledo? (manuela d’alessandro)