giustiziami

Cronache e non solo dal Tribunale di Milano

Il concetto di dignità quando si parla di sesso

Questo post è stato letto 5699 volte.

Esiste un concetto oggettivo di dignità quando si parla sesso? Per i giudici della Corte d’Appello di Milano sì e nelle motivazioni alla sentenza del processo Ruby bis lo applicano al mestiere delle prostitute di lusso. “L’attività delle escort, ancorché scelta deliberatamente e liberamente – scrivono – risulta porsi in contrasto con la tutela della dignità della persona umana che è il bene giuridico tutelato dalla norma incriminatrice che punisce la condotta di agevolazione della prostituzione”.

Molti dubbi in più li aveva manifestati tempo fa la Corte d’Appello di Bari impegnata nel processo a Silvio Berlusconi e al suo presunto ‘cacciatore’ di escort, Giampaolo Tarantini, decidendo di mandare alla Consulta gli atti per valutare la legittimità del reato di favoreggiamento della prostituzione. L’ipotesi dei magistrati pugliesi era che la legge Merlin potesse essere “lesiva del diritto alla libera sessualità autodeterminata” e contraria al “principio di laicità dello Stato, di tassatività e determinatezza e con il principio della tutela della libera iniziativa economica privata”. Su questa scia, le difese di Nicole Minetti ed Emilio Fede hanno provato a spendere la carta dell’illegittmità costituzionale trovando però il ‘muro’ dei giudici milanesi, secondo i quali la questione è ‘manifestamente infondata’ e non vale la pena di far scomodare i giudici della Consulta. Il legale dell’ex igienista dentale, Pasquale Pantano, aveva azzardato nel suo intervento in aula un accostamento tra Marco Cappato e Nicole Minetti che aveva suscitato un certo scandalo: come il leader radicale ha aiutato Dj Fabo all’esercizio di un proprio diritto, cioé la libertà di scegliere come morire, così l’ex igienista dentale ha dato un aiuto alle ospiti ad Arcore nell’esercizio della prostituzione, che rientra nella libertà di autodeterminazione. Ora, dopo le condanne ribadite in appello seppur con lievi riduzioni (Fede a 4 anni e sette mesi e Minetti a 2 anni e dieci mesi), le difese rinnoveranno alla Cassazione il tema del diritto o meno a prostituirsi. Prima potrebbe arrivare la decisione della Consulta sul processo di Bari.

(manuela d’alessandro)

Il testo delle motivazioni al processo Ruby bis

 

 

 

Categoria: Berlusconi
  • Pasquale Pantano ha scritto:

    Non so se esiste un preciso concetto oggettivo di dignità, di sicuro esiste una dignità soggettiva, l’unica a potersi coniugare con il principio di autodeterminazione. In altre parole se ho il diritto assoluto di autodeterminarmi (lo stabilisce la stessa corte di cassazione in questo processo) ho necessariamente il diritto di stabilire rispetto alla mia libera azione ciò che è dignitoso per me e ciò che non lo è. Se lo stabilisce un altro (c’è da chiedersi chi poi) il perimetro della dignità lecita, è evidente che ci sia un alto rischio che riduca la libertà di chi ha il diritto di agire liberamente, passando così da uno concetto di Stato liberale ad uno profondamente autoritario e moralista quello a cui sembra dogmaticamente ispirarsi la corte milanese.