giustiziami

Cronache e non solo dal Tribunale di Milano

Aiello entra nel cda di Expo mentre difende Maroni per le nomine nella società

Questo post è stato letto 3452 volte.

Domenico Aiello è il nuovo consigliere di amministrazione di Expo. Una nomina inopportuna perché il legale difende Roberto Maroni in un’indagine in cui il Governatore è accusato anche di avere garantito in modo illegittimo un contratto di collaborazione a una sua ‘fedelissima’ nella stessa società. Aiello è anche il legale intercettato in quelle telefonate che sono costate ad Alfredo Robledo, allora procuratore aggiunto che si occupava di Expo,  la toga di pm e il trasferimento da Milano a Torino (Robledo – Aiello).

Ora diventa consigliere di amministrazione indicato come dal Pirellone al posto di Fabio Marazzi. Siederà nel cuore decisionale della società assieme ai 4 rappresentanti degli altri soci: Giuseppe Sala, Diana Bracco, Alessandra Dal Verme e Michele Saponara.

Roberto Maroni sceglie quindi di affidare  un incarico così importante,a  nove giorni dall’avvio dell’Esposizione Universale, al legale che lo difende nell’inchiesta coordinata dal pm Eugenio Fusco in cui il Governatore è accusato di pressioni indebite per far ottenere contratti con Eupolis ed Expo a due sue ex collaboratrici. Come avvocato della Lega, inoltre, Aiello  aveva manifestato una certa contrarietà nei mesi scorsi rispetto alla decisione di Matteo Salvini di non far costituire il Carroccio parte civile nel procedimento sui presunti rimborsi illegittimi che coinvolge anche la famiglia Bossi.  Una nomina di fiducia, non c’è che dire che per il Movimento 5 Stelle “ha un secondo fine da parte di Maroni dato che non ci sono apparenti motivi di merito”. (manuela d’alessandro)