giustiziami

Cronache e non solo dal Tribunale di Milano

Steccanella a Cospito: da te una lezione mirabile

La lezione di Alfredo Cospito!!! (lettera aperta a chi ancora combatte per la libertà)

“Caro Alfredo, non ti conosco, ma mi piacerebbe farti sapere che la tua straordinaria lezione è arrivata anche a me.
‘Non lo faccio per uscire io, ma perché il 41 bis venga abolito per tutti, perché impedisce la manifestazione del pensiero’, hai detto ieri (o forse oggi), dopo che il Ministero, improvvisamente trovatosi a dover gestire pubblicamente un “problema” del quale fino a quel momento se era, come tutti, ampiamente sbattuto, ha disposto il tuo trasferimento in un nuovo carcere per “calmare le acque”.
Con il tuo sacrificio, spinto fino alle estreme conseguenze, hai sollevato un gigantesco vaso di Pandora sull’ipocrisia regnante nel nostro Paese verso la drammatica e perdurante vergogna del suo sistema penitenziario, medievale e degno solo di un’epoca storica forcaiola e ignorante, dove le persone ormai magnano e basta, e non pensano più.
Tu, solo e murato vivo, sei riuscito a creare, da quell’orrendo buco sordo e senza luce, questo pandemonio istituzionale, e ormai non c’è giorno che la tua fotografia non faccia bella mostra sui giornali, quella di un uomo che fino all’altro ieri nessuno manco sapeva chi fosse, a parte i suoi compagni.
Ti hanno paragonato a Bobby Sands o ad altri eroi che hanno nobilitato con la loro vita il dopoguerra del “secolo breve”, quello in cui di fronte alle ingiustizie ci si mobilitava in massa e non si guardava Sanremo con la passerella di un contendente in una guerra che non si combatte ma dove si mandano armi, tra una canzone di Giorgia e un commento di Fazio.
Ma loro erano in tanti, e Tu invece sei solo, non hai compagni reclusi con te in quell’inferno e neppure dietro i combattenti dell’IRA o altri sostegni, se non quanti scrivono, più sui social che sui muri per vero, “Alfredo libero”.
Un po’ pochino per crepare, direbbe chiunque, ma a tutti quei chiunque, tra i quali ovviamente mi ci metto io per primo, ormai ti sei contrapposto tu!
E finchè ci sarà anche solo uno disposto, ancora negli orrendi anni Duemila, a sacrificare la propria vita per un’idea, tutti gli altri rimarranno dall’altra parte della barricata, quella degli indifferenti, quella dei colpevoli di non avere reagito.
Spero umanamente che non debba essere come sempre la Storia a dover dire chi stava dalla parte giusta, e che quasi mai coincide con la pigra maggioranza degli sdegnati democratici.
Quelli che si imbrodano ogni giorno della Costituzione ma stanno lasciando morire un uomo che combatte per la libertà, e come diceva qualcuno, se non stai da una parte o dall’altra della barricata, “sei la barricata”.
Grazie per averci ricordato a tutti che si può anche non essere come tutti noi, e adesso saranno cazzi nostri con le nostre coscienze, ammesso che molti di noi ne abbiano ancora una, ma come immagino potresti dire tu da quell’inferno se te lo consentissero: “peggio per voi!”.
La tua Lezione mirabile è che anche al giorno d’oggi di un uomo si possono prendere tutto, anche il corpo, ma non la mente di chi ne ha conservata…una!
(avvocato Davide Steccanella)

La vita di Cospito vale meno degli imbrattamenti

La vita di Alfredo Cospito vale meno degli imbrattamenti sui muri del consolato italiano di Barcellona, meno di un’auto incendiata all’ambasciata di Berlino, meno di un ripetitore di telefonia sulle colline di Torino, meno del tentato incendio del citofono di un imprenditore umbro nella cui azienda erano morti quattro opera. Era inevitabile che accadesse questo.

Politici al potere ma anche dell’opposizione si dicono indignati per le azioni violente. La procura di Roma che sembra non avere nulla di meglio da fare come al solito apre un’indagine con la solita competenza territoriale di fatto inventata ma utile per avere titoli sui siti dei giornaloni sempre pronti a ospitare manifestazioni di celodurismo allo stato puro.

Alfredo Cospito peggiora di giorno in giorno, in sciopero della fame dal 20 ottobre, 42 chili fa. Sta morendo ma lo stato democratico e antifascista nato dal CLN ha già fatto capire se non proprio esplicitamente detto che è in grado di fottersene.. La repubblica penale fondata sul 41 bis è capacissima di reggere la notizia relativa al suo cadavere. Del resto hanno utilizzato il reato di strage politica contro la sicurezza dello Stato per due pacchi o meglio petardi senza morti e feriti mentre la stessa accusa non venne contestata neppure per gli attentati dove morirono Falcone e Borsellino due giudici da un lato celebrati come eroi e dall’altro presi in giro insieme ai loro familiari.

Insomna non se ne esce. Un ex famosissimo ex magistrato bercia che lo stato non può farsi ricattare. Certo dopo aver usato e continuare a usare il 41bis per dire “o ti penti e collabori o ti arrendi oppure sei murato vivo”. È la democrazia del mondo libero. La vita che Alfredo Cospito sta mettendo a forte rischio pe tutelare i suoi diritti e quelli di altri 800 “ospiti” del carcere duro non vale niente. Zero.

(frank cimini)

Deputati Pd vanno da Cospito, il problema è solo politico

Mancano interventi concreti e incisivi che servirebbero a risolvere la situazione, ma la politica comincia a occuparsi direttamente del caso di Alfredo Cospito l’anarchico in sciopero della fame per protesta contro il 41 bis nel carcere di Sassari Bancali. Ieri una delegazione di parlamentari del Partito Democratico tra i quali l’ex ministro della Giustizia Andrea Orlando ha raggiunto la prigione sarda intrattenendosi sia con il recluso sia con i medici.
Dice Walter Verini senatore del Pd: “Al momento non è apparentemente in grave pericolo, ma siccome ha rinunciato al cibo da molto tempo ci sono livelli del sangue che stanno diminuendo e che potrebbero creare in ogni momento scompensi a organi vitali. La situazione è sotto controllo ma non è certo rassicurante anche se come dice lui stesso non risultano pericoli imminenti”.
Debora Serracchiani capogruppo alla Camera dei deputati sostiene fosse importante venite a verificare le condizioni di salute di questa persona ascoltare le sue ragioni come facciamo sempre visitando le prigioni. Serracchiani fa riferimento all’articolo 27 della Costituzione soprattutto nella parte in cui dice che l’esecuzione della pena non può essere contraria a principi di umanità e deve tendere alla rieducazione del condannato. “Pensiamo che l’articolo 27 vada applicato fino in fondo” conclude la deputata impegnandosi a prendere tutte le iniziative necessarie per migliorare la vita di chi vive o lavora in carcere.
Silvio Lai deputato sardo spiega che Cospito “è sempre più fragile, non è in una situazione di salute stabile. C’è una cura medica attentissima, un quadro sotto controllo da parte dei medici del carcere e da quello di fiducia indicato dal suo avvocato. Lui rimarca le ragioni della protesta ritiene irragionevole che gli venga applicato questo regime ma serviva incontrarlo per rendersi conto delle condizioni in cui sta scontando la pena che è stata applicata è sottoposta alla Cassazione. Ora attendiamo quello che succederà”. Ieri Cospito è stato visitato anche dal medico di fiducia Arcangela Melia. Preoccupano soprattutto i valori del potassio che incidono direttamente sul cuore.
L’aspetto importante della visita dei parlamentari è che potrebbe nonostante tutte le difficoltà aiutare a far comprendere che il problema è prettamente politico. Non solo per Cospito ma per i quasi 800 detenuti sottoposti all’articolo 41bis del regolamento penitenziario in maniera che spesso va oltre la ratio della norma. È diventato strumento per ottenere confessioni e chiamate di correo dai “mafiosi” e rese da parte dei “terroristi”.
Intanto sono diventare 4103 le firme dei giuristi e degli intellettuali a sostegno di Cospito nell’appello lanciato da “Volere la luna”.
Una manifestazione di protesta contro il 41bis c’è stata ieri davanti al tribunale dell’Aquila in occasione dell’udienza con imputati 31 attivisti che avevano protestato il 24 novembre 2017 “contro la tortura e l’accanimento vessatorio” nei confronti di Nadia Lioce condannata per gli omicidi D’Antona e Biagi. All’udienza di ieri si è arrivati per l’opposizione al decreto penale di condanna per le proteste di ormai sei anni fa.
(frank cimini)

Cospito, botta e risposta tra corte d’assise e questore

Nel giorno in cui escono le motivazioni con cui la corte d’assise di appello di Torino rivolgendosi alla Corte Costituzionale sostiene che l’ergastolo a Alfredo Cospito per un’azione che non ha fatto morti e feriti non si può dare il Questore di Torino in conferenza stampa dice  di non escludere il passaggio degli anarchici in clandestinita’.

“È una realtà e un segmento che guardiamo con attenzione perché non escludiamo il passaggio dalla soluzione pubblica della manifestazione alla soluzione clandestina da parte di singoli soggetti”. Così il questore Vincenzo Ciarambino, nella conferenza stampa di inizio anno, interpellato sulle manifestazione anarchiche in solidarietà ad Alfredo Cospito, che si sono svolte anche a Torino, dove è in corso il processo d’Appello per gli attentati a Fossano. “C’è attenzione più che allarme – spiega il questore – perché la componente anarchica qua a Torino ha fatto registrare azioni imprevedibili, scarsamente prevedibili o di difficile prevedibilità. Come ad esempio l’attento alla scuola allievi carabinieri di Fossano di cui si è reso responsabile Cospito o gli attentati alla Crocetta con la classica tecnica del doppio scoppio per attirare e per poi far male. Anche nel recente passato sono stati inviati pacchi bomba da Genova mandate a figure istituzionali dell’amministrazione penitenziaria”. “Continua la nostra attenzione – aggiunge Ciarambino – gli anarchici adesso stanno manifestando in strada e stanno cercando di pubblicizzare quella che loro ritengono essere la sofferenza di Cospito, che è attualmente sottoposto al 41 bis” “Sono frange che non escludiamo possano passare dall’attività di manifestazione in strada all’attività clandestina con alcuni elementi cani sciolti che possano portare a termine attentati contro istituzioni che ritengono responsabili di questa vicenda. Facciamo attenzione a questi eventi e cerchiamo di intercettare ogni segnale e pericolo possibile”,

La corte d’assise di appello invece trasmettendo gli atti del processo di Torino per i pacchi esplosivi di Fossano sostiene la tesi della lieve entità dei danni spiegando che il trattamento sanzionatorio sollecitato dal procurate generale il massimo della pena sarebbe incostituzionale. Insomma il questore mette le mani avanti cercando di influenzare sia la Consulla che dovrà decidere sulla concessione delle attenuanti evitando l’ergastolo sia la Cassazione chiamata a esaminare il ricorso dell’avvocato Flavio Rossi Albertini contro l’applicazione del carcere duro previsto dall’articolo 41 bis del regolamento penitenziario. Le parole del questore ipotizzando il passaggio in clandestinita’ degli anarchici che manifestano solidarietà a Cospito hanno un signicato chiaramevte intimidatorio che non viene colto ovviamente dai giornali e dai politici di tutti i partiti (frank cimini)

Vietata manifestazione per Cospito storia di democratura

La Questura di Milano dice no alla manifestazione di solidarietà per Alfredo Cospito attaccandosi al mancato preavviso da parte dei movimenti anarchici che in un’assemblea avevano deciso di scendere in piazza. Da un punto di vista meramente formale il divieto ci sta ma si tratta di una pessima scelta politica dal momento che si rischia (eufemismo) di aumentare la tensione intorno al caso dell’anarvhico in sciopero della fame dal 20 ottobre scorso.

Giuseppe Petronzi il questore ha vietato la manifestazione annunciata per domani alle
18 in piazza Duomo in solidarieta’ ad Alfredo Cospito,
l’anarchico in carcere a Sassari in regime di 41 bis.
La decisione della manifestazione era stata presa durante una
assemblea di anarchici e antagonisti e l’invito a partecipare
era arrivato da realta’ come il Galipettes occupato, i cui
militanti erano saliti su una gru del cantiere del teatro alla
Scala per srotolare striscioni contro il carcere duro lo scorso
novembre.
“La Questura di Milano – spiegano da via Fatebenefratelli -
ha notificato il divieto di manifestare nei modi e tempi
annunciati ieri in rete dall’area anarchica che, senza
presentare preavviso alcuno al Questore, ha indetto una
manifestazione per domani 29 dicembre alle ore 18 in piazza
Duomo”. Contro la manifestazione si era espresso anche Riccardo
De Corato, parlamentare di Fratelli d’Italia che aveva chiesto al Comune di intervenire per  lo sgombero dell’occupazione.

Insomma c’è il comportamento di istituzioni ottuse che decidono per un divieto senza senso. Intanto Cospito sempre più determinato a digiunare domani riceverà per un’altra visita il medico di fiducia Angelica Melia nel carcere di Sassari Bancali. Nel paese dell’emergenza infinita il divieto di manifestare è un classico e dietro la scelta del Questore c’è solo veramente la politica insieme ai mezzi dì informazione, un quadro unito e compatto tipico delle democrature (frank cimini)