giustiziami

Cronache e non solo dal Tribunale di Milano

Così Tarfusser voleva cambiare la Procura di Milano, ma il Csm lo ha escluso

Questo post è stato letto 3757 volte.

“Prenderò di petto personalismi, invidie e gelosie”: questo era il programma che Cuno Tarfusser, già procuratore della Repubblica di Bolzano e oggi in servizio al tribunale internazionale dell’Aja, aveva sottoposto al Consiglio superiore della magistratura per sostenere la propria candidatura alla guida della Procura della Repubblica di Milano. Tarfusser non sembra destinato a entrare nel cerchio ristretto dei papabili: tanto che, come scrive oggi il Corriere della Sera, il Csm non lo ha nemmeno invitato alle audizioni che si sono tenute la settimana scorsa per dare modo agli aspiranti di illustrare il proprio programma. *
Dalla lettura del programma di Tarfusser si intuiscono le ragioni che lo hanno tagliato fuori dalla corsa a raccogliere l’eredità di Edmondo Bruti Liberati. Innanzitutto la stringatezza del documento, considerata in ambienti del Csm eccessiva, ai limiti della povertà espositiva e di contenuti. Ma anche, forse, la presa di posizione assai esplicita sulle recenti vicissitudini della Procura milanese che Tarfusser indica senza eufemismi e a cui promette di porre fine in modo che è stato considerato un po’ brusco.
Nel documento, dopo una serie di considerazioni piuttosto generiche sulla complessità organizzativa di un ufficio come la Procura di Milano e di auto-attestazioni sulla propria capacità di gestirlo al meglio, Tarfusser (su carta intestata del tribunale dell’Aja) scrive: “se sono indiscutibili le qualità professionali delle donne e degli uomini che rappresentano la magistratura requirente milanese, altrettanto innegabili sono le questioni e le problematiche, diciamo così, interpersonali e interdisciplinari. Considero assolutamente prioritario, quindi, per il nuovo Procuratore della Repubblica affrontare di petto questo problema. In una Procura della Repubblica deve esistere una vivace dialettica, un continuo e aperto scambio di idee e di informazioni, ma non ci può essere posto per personalismi, invidie, gelosie”. E annuncia che se diventerà il Procuratore sarà un capo “decisionista”, all’insegna del motto  “ubi comoda ibi incomoda”. Tradotto: visto che poi le rogne sono mie, è giusto che sia io a decidere. Anche questo, probabilmente, non ha aiutato la sua corsa verso la Procura milanese. (orsola golgi)

* In serata è arrivata la notizia che il Consiglio ha cercato di porre rimedio alla gaffe invitando in extremis il collega altoatesino a presentarsi in piazza Indipendenza tra martedì e mercoledì prossimo.

Il programma di Tarfusser