giustiziami

Cronache e non solo dal Tribunale di Milano

Dopo i supermanager indagati, tocca a Gibelli (sotto inchiesta) guidare le Ferrovie

Questo post è stato letto 3244 volte.

Buon viaggio a tutti ma perché dopo che due manager ai vertici delle società dei treni lombarde, Giuseppe Biesuz e Norberto Achille, sono stati coinvolti in casi giudiziari, la politica deve proprio scegliere un indagato per guidare le Ferrovie Nord Milano?

E’ notizia di queste ore che la Regione Lombardia, azionista di maggioranza di Ferrovie Nord,  indicherà l’attuale segretario del Pirellone Andrea Gibelli come sostituto di Achille, dimesso oggi dopo essere stato indagato per presunte spese indebite effettuate con le carte aziendali. Nel settembre del 2014, Gibelli ricevette dalla Procura di Milano un avviso di garanzia per il reato di ‘turbata libertà del contraente’ nella vicenda in cui Roberto Maroni è accusato di pressioni indebite per due contratti ottenuti da altrettante sue ‘fedelissime’ nelle società Expo2015 ed  Eupolis. Nei prossimi giorni, il pm Eugenio Fusco dovrebbe notificare a Gibelli l’avviso di chiusura delle indagini.

E’ l’uomo giusto, in questo momento, per occupare il posto lasciato libero da Norberto Achille che coi soldi per far viaggiare i lombardi avrebbe pagato per lui o per i familiari ristoranti, vacanze a Forte dei Marmi, film porno su Sky, vestiti e scommesse?

Nel luglio del 2014, Giuseppe Biesuz, amministratore delegato di Trenord, la società nata dall’unione tra Trenitalia e LeNord (Gruppo Ferrovie Nord Milano), era stato condannato a 5 anni di carcere per il reato di bancarotta fraudolenta della società Urban Screen e per truffa e falso. A Fnm e a Trenord dovrà risarcire un danno da quantificare in sede civile per avere dichiarato di essere laureato in economia e commercio quando non lo era. Una qualifica che al formigoniano Biesuz, finito anche ai domiciliari, sarebbe stata indispensabile per gestire il complicato traffico su rotaie in Lombardia. (manuela d’alessandro)

Categoria: Economica, Expo