giustiziami

Cronache e non solo dal Tribunale di Milano

Forza Cane sta per decidere, Dudù va al Ppe con bandana

Questo post è stato letto 2968 volte.

Dudù non può andare a Bruxelles alla riunione del Ppe. Almeno non potrà farlo insieme al suo “paparino”, bloccato dai pm. La sentenza del processo Mediaset crea problemi pure alla libera circolazione delle bestie nella Ue. Nessuna deroga era possibile e del resto mai un condannato in attesa di espiare la pena aveva chiesto il permesso di andare all’estero. Il Cavaliere ci aveva provato anche per far respirare un’aria internazionale al cagnolino che sta diventanto grande dal momento che ha appena compiuto un anno e ha bisogno di fare esperienza. La procura ha recitato la parte del “signor no” perchè l’area Schengen ha spazzato via l’obbligatorietà dei controlli ma non quella della disponibilità di un documento valido per l’espatrio. Non c’erano precedenti giuridici, il Cav ha stabilito un altro record. Convinto di essere il migliore e il primo in tante cose aveva cercato di “svoltare” anche da condannato in gita all’estero.

In teoria non è detta l’ultima parola, perché la decisione dei pm può essere impugnata davanti al Tribunale a livello di un incidente di esecuzione, ma l’attesa per il risultato sul ricorso comporterebbe di aspettare ben oltre la giornata di domani quando è programmata la riunione dei “popolari” a Bruxelles.

A questo punto “Forza Cane” per sfidare giudici e burocrazia, per non dargliela vinta senza combattere, è riunita per decidere se mandare Dudù da solo al Ppe. Ad abbaiare con una bandana in testa. (frank cimini)

Categoria: Berlusconi
Tag: