giustiziami

Cronache e non solo dal Tribunale di Milano

Ombre Rosse, giudici francesi senza la fretta di Cartabia

Questo post è stato letto 985 volte.

I giudici francesi che devono decidere sull’estradizione d nove rifugiati politici italiani a Parigi non hanno la stessa fretta del ministro Marta Cartabia e del suo mentore Sergio Mattarella. La corte infatti ha spacchettato le varie posizioni fissando nuove udienze tra fine marzo e aprile.
Le toghe d’Oltralpe non sono frenetiche come vorrebbe il governo italiano anche perché tecnicamente i dossier arrivati a Parigi non sono completi nonostante di recente il ministro Caetabia abbia invitato le varie procure a sbrigarsi.
Enzo Calvitti è stato convocato per il 23 marzo lo stesso giorno in cui è fissata l’udienza per Giorgio Pietrostefani dal momento che il 5 gennaio scorso all’ex esponente di Lotta Continua era stato accordato un rinvio per ragioni di salute. Pietrostefani si trova in ospedale, risulta inamovibile e intrasportabile, ma il governo di Roma insiste per la sua consegna nonostante siano passati giusto 50 anni dall’omicidio Calabresi.
Il 30 marzo toccherà a Giovanni Alimonti e Narciso Manenti. Il 6 aprile le udienze per Roberta Cappelli e Marina Petrella. Il 13 aprile Sergio Tornaghi e Raffaele Ventura. Il 20 aprile Luigi Bergamin e Maurizio Di Marzio. Per Bergamin a febbraio potrebbe arrivare la decisione della Cassazione sulla prescrizione.
Insomma i tempi si allungano e i giornali italiani di destra scrivono della loro delusione e insoddisfazione. Insomma ribadiscono di essere assetati di sangue. Hanno bisogno di corpi da esibire come trofei di guerra. E non solo a destra. Anzi. Il padre dell’operazione Ombre Rosse resta Mattarella che il giorno del rientro di Battisti annunciò “e adesso gli altri”.
C’è chi dalla Francia fa osservare che non è scontato che i giudici decidano di andare dietro a Macron il quale avrebbe agito anche per dimostrare che a livello di sicurezza lui non è secondo a nessuno. Ma i tempi lunghi della decisione sulle estradizioni potrebbero portare anche al dopo Macron. Sperando ovviamente che non arrivi all’Eliseo uno ancora più forcaiolo (frank cimini)

Categoria: Terrorismo