giustiziami

Cronache e non solo dal Tribunale di Milano

Selvaggia Lucarelli a Macchianera, voglio tutti gli scheletri della Venier

Questo post è stato letto 7318 volte.

“Habemus Mara”, esulta Gianluca Neri e Selvaggia Lucarelli manifesta un ‘macabro’ trasporto: “Voglio tutti i suoi scheletri in fila“.

La ‘storica’ conduttrice televisiva è una delle parti offese, anche se non ha presentato denuncia, nell’indagine che ha portato al processo a carico dei tre blogger Gianluca Neri alias Macchianera, Selvaggia Lucarelli e Guia Soncini, accusati di avere scovato primizie di gossip intrufolandosi nella posta elettronica dei vip.

Dallo scambio di sms agli atti delle oltre 600 pagine dell’indagine condotta dal pm Grazia Colacicco sembrerebbe emergere lo spionaggio ai danni della Venier, di cui gli indagati avrebbero cercato di scoprire la squadra del cuore per violare le e – mail. Soncini e Lucarelli avrebbero avuto rapporti indipendenti l’una dall’altra con Neri che, nella ricostruzione della Procura, sarebbe stato deputato a trovare i codici di accesso per carpire i segreti dei personaggi del mondo dello spettacolo. In un altro sms, Neri e Soncini fanno un riferimento al nome del coniglio di Elisabetta Canalis, come ‘chiave’ per arrivare alle fotografie scattate a Villa Oleandra durante il party per il 32esimo compleanno dell’ex fidanzata di George Clooney. Uno dei temi centrali del processo che inzierà tra pochi giorni sarà proprio la presunta trattativa sulle immagini che sarebbero state rifiutate dal ‘Chi’, il settimanale diretto da Alfonso Signorini. Le parti civili, Elisabetta Canalis e Federica Fontana, potrebbero portare in aula attraverso i loro legali alcuni testimoni del tentativo di vendere le foto alla rivista di gossip a una cifra attorno ai 100mila euro. Intanto, Canalis sembra voler mantenere un profilo basso nella vicenda, come si deduce dalla nota diffusa dai suoi legali: “La nostra assistita è stata informata della diffusione non autorizzata e della probabile offerta in vendita ad una rivista di settore di alcune fotografie scattate in luoghi privati e mai autorizzate. Si e’ pertanto rivolta alle autorita’ per tutelare la propria riservatezza”.

(manuela d’alessandro)