giustiziami

Cronache e non solo dal Tribunale di Milano

Il notaio al vigilante: “Ho una pistola, che faccio?”

Il notaio va dal vigilante e mostra una pistola: “Ho il porto d’armi, cosa devo fare dopo quello che è successo?”. L’addetto alla sicurezza gli spiega che le regole non sono cambiate dopo la sparatoria, con la pistola non si può entrare dall’ingresso per il pubblico (in questo caso quello di via Freguglia). Si può invece fare con nonchalance attraverso gli ingressi riservati, e in effetti la domanda del professionista è solo uno  scrupolo. Prima di rivolgersi al vigilante si era già recato nell’Archivio Notarile del Palazzo con la sua pistola.
L’episodio, avvenuto ieri, con protagonista il buon notaio che ha fatto coming out  è utile per meditare sulla presenza di persone armate all’interno della ‘casa della giustizia’, senza la divisa delle forze dell’ordine. “So che ci sono almeno quattro cinque avvocati – spiega un sorvegliante -  che entrano dai varchi riservati e girano armati perché hanno il porto d’armi. E noi non possiamo farci niente. L’unica soluzione definitiva sarebbe controllare tutti”. Ma qualcuno ogni tanto viene trovato con un’arma al metal detector? “”Sì – risponde l’uomo della sicurezza – negli ultimi mesi abbiamo fermato dopo un controllo anche un poliziotto in pensione e un investigatore privato che avevano una pistola”. (m.d’a.)

Aiello entra nel cda di Expo mentre difende Maroni per le nomine nella società

Domenico Aiello è il nuovo consigliere di amministrazione di Expo. Una nomina inopportuna perché il legale difende Roberto Maroni in un’indagine in cui il Governatore è accusato anche di avere garantito in modo illegittimo un contratto di collaborazione a una sua ‘fedelissima’ nella stessa società. Aiello è anche il legale intercettato in quelle telefonate che sono costate ad Alfredo Robledo, allora procuratore aggiunto che si occupava di Expo,  la toga di pm e il trasferimento da Milano a Torino (Robledo – Aiello).

Ora diventa consigliere di amministrazione indicato come dal Pirellone al posto di Fabio Marazzi. Siederà nel cuore decisionale della società assieme ai 4 rappresentanti degli altri soci: Giuseppe Sala, Diana Bracco, Alessandra Dal Verme e Michele Saponara.

Roberto Maroni sceglie quindi di affidare  un incarico così importante,a  nove giorni dall’avvio dell’Esposizione Universale, al legale che lo difende nell’inchiesta coordinata dal pm Eugenio Fusco in cui il Governatore è accusato di pressioni indebite per far ottenere contratti con Eupolis ed Expo a due sue ex collaboratrici. Come avvocato della Lega, inoltre, Aiello  aveva manifestato una certa contrarietà nei mesi scorsi rispetto alla decisione di Matteo Salvini di non far costituire il Carroccio parte civile nel procedimento sui presunti rimborsi illegittimi che coinvolge anche la famiglia Bossi.  Una nomina di fiducia, non c’è che dire che per il Movimento 5 Stelle “ha un secondo fine da parte di Maroni dato che non ci sono apparenti motivi di merito”. (manuela d’alessandro)

 

 

 

 

L’emozione del primo giorno nell’aula riaperta dopo la sparatoria

C’è quel momento di silenzio tra un’udienza e l’altra mentre nell’aula passeggia da sola un’avvocatessa bionda, aspettando i giudici. “Lui era lì, qui c’era il mio collega, scusi, ma oggi non è la giornata giusta per parlare, ho giù la voce”. Le basta uno sguardo per metterli tutti al loro posto: Lorenzo Claris Appiani al banco del testimone, stava per giurare di dire tutta la verità; Giorgio Erba, sulla sedia dell’imputato, voleva difendersi dall’accusa di bancarotta; e, in fondo, Claudio Giardiello, con la pistola in pugno.

La prima mattina dopo la sparatoria, l’aula della seconda sezione penale si presenta illuminata dal sole, con l’aspetto lindo e compito di chi va incontro a un appuntamento speciale. Alle 9 e 30 entrano i giudici, lo stesso collegio di quel giorno, in mezzo c’è il Presidente, Teresa Ferrari da Passano, sul volto ha una piccola ombra. Quel giorno si rifugiò andando a carponi con gli altri giudici e il pm Luigi Orsi nella camera di consiglio. Chiede un minuto di silenzio per ricordare i naufraghi nell’abisso della ragione di Giardiello. L’aula si rimepie di emozioni. Il pm Fabio De Pasquale alla fine dell’udienza racconta: “All’inizio non è stato facile, poi siamo entrati nel tran tran di una giornata che più normale di così non si può. La prima udienza è stata rinviata perché non si è presentato un avvocato che poi è stato deferito al Consiglio dell’Ordine”.

“Ecco, una cosa mi ha colpito”,  ci dice il  pm. “Per terra, sul pavimento, sembra che ci siano delle zone più lucide, come se fossero restate delle tracce delle  macchie di sangue”. Forse il sole fa brillare di più il pavimento in alcuni punti. Arriva anche un’udienza per bancarotta, come quel giorno. Tocca all’avvocatessa bionda che proprio non ce la fa, implora un rinvio perché fatica a parlare. “Allora rinviamo per dare la possibilità all’avvocatessa di avere la voce più squillante in quella data”. Per oggi l’aula può tornare nel silenzio, circondata dalle rose bianche e rosse. (manuela d’alessandro)

Cacciata dall’ufficio di Presidenza del Tribunale, “qui i giornalisti non possono starci”

Cacciata dall’ufficio della Presidenza del Tribunale negli istanti successivi alla sparatoria perché “qui i giornalisti non possono stare”.  Abbiamo aspettato che si celebrassero i funerali delle tre vittime per raccontare un grave episodio che ha coinvolto una cronista dell’Ansa e il Presidente facente funzione del Tribunale Roberto Bichi, mentre non si sapeva se Claudio Giardiello si aggirasse armato per il Palazzo dopo avere sparso sangue.

La giornalista, che da anni si occupa di cronaca giudiziaria, quella mattina non avrebbe dovuto essere in Tribunale perché era la sua giornata di riposo, ma intorno alle undici è arrivata per recuperare un documento lasciato nella sala stampa. Nel’atrio del terzo piano, mentre scambiava qualche battuta con dei giudici accanto alla lapide che ricorda Guido Galli, la collega viene travolta dai carabinieri con le pistole ad altezza d’uomo che corrono urlando: “Hanno sparato! Hanno sparato! Mettetevi al riparo!”. A quel punto, come ci ha raccontato, si è rifugiata con altri giudici nella vicina anticamera della Presidenza, dove si trovava anche Bichi. C’era una grande confusione e sembrava che stessero ancora sparando. Mentre arrivavano le prime informazioni, la collega si è sentita dire da Bichi: ‘qui i giornalisti non ci  possono stare’, ed è stata invitata  ad uscire. Spaventata, quando non era chiaro se Giardiello fosse ancora in Tribunale, la cronista è corsa verso la sala stampa nella quale si erano chiuse a chiave altre persone. Ha battuto i pugni sulla porta chiedendo di entrare mentre fuori c’era il coprifuoco. (manuela d’alessandro)

La sala stampa del Palazzo di Giustizia sta per chiudere

“La sala stampa del Palazzo di Giustizia chiuderà a settembre”. L’annuncio, questa volta apparso implacabile rispetto ad altri analoghi negli anni passati, è stato dato sabato scorso dal Presidente del Gruppo Cronisti di Milano, Rosi Brandi, durante la cerimonia del ‘Premio Vergani’.

Le testate giornalistiche non riescono a pagare l’esorbitante canone d’affitto di 14mila euro all’anno per la malmessa stanza di circa venti metri quadri che ospita i giornalisti da più di  due decenni. “Alcune aziende editoriali,  Poligrafici, Mediaset, La7, Il Fatto Quotidiano, nonostante le ripetute sollecitazioni”, si legge in una nota del Gruppo Cronisti, non versano la loro quota. Proprietaria dello spazio è l’Agenzia del Demanio (Ministero dell’Economia) che stipulò a suo tempo un contratto col Gruppo e  l’ha data in gestione al Comune di Milano. La cifra a carico dei giornalisti è salita nell’ultimo anno a causa dei continui lavori di manutenzione di tutto il Palazzo, e adesso la gestione della sala stampa pesa come un ‘rosso’ non più sostenibile sui bilanci del Gruppo. “Le aziende in difetto – spiega Rosi Brandi – verranno di nuovo sollecitate, ma se non si decideranno a dare il loro contributo la chiusura sarà inevitabile”.

Una soluzione potrebbe essere l’abbassamento dell’affitto da parte del Demanio, altrimenti non resterebbe che cercare una nuova ‘casa’ all’interno del Palazzo per i cronisti. Nei mesi scorsi, era stata ventilata dalla Procura la possibilità di concedere gratis ai giornalisti uno spazio, ipotesi non gradita da alcuni per ragioni di opportunità. (manuela d’alessandro)