giustiziami

Cronache e non solo dal Tribunale di Milano

Al 41bis più facile avere ventilatore e gamberoni che libri

Questo post è stato letto 2320 volte.

Ristretti al 41bis è più facile avere il ventilatore e i gamberoni piuttosto che un paio di libri chiesti più di un mese fa. È la considerazione che fa l’avvocato Flavio Rossi Albertini difensore delL’anarchico Alfredo Cospito detenuto nel carcere di Sassari Bancali commentando la vita quotidiana del suo assistito.
Niente di nuovo sotto il sole per giunta visto a scacchi nelle due ore d’aria concesse dall’articolo del regolamento penitenziario relativo al carcere duro.
Del resto se sono considerate pericolose le foto dei genitori defunti prima negate poi concesse e quindi di nuovo tolte figuriamoci i libri. Sono le “regole” della tortura legalizzata avviata nel caso di Cospito dal maggio del 2022 dalla falsa garantista Marta Cartabia e confermate dal suo successore Carlo Nordio altro liberale a parole che all’istanza di revoca del 41bis non si è degnato di rispondere delegando di fatto la decisione al Tribunale di Sorveglianza di Roma giudice unico in Italia con il compito di decidere sui reclami dei sepolti vivi. Forse accadrà in autunno quando anche il Tribunale circondariale di Torino farà la sua scelta in merito alle foto “incriminate”.
(frank cimini)

Categoria: Nera