giustiziami

Cronache e non solo dal Tribunale di Milano

La pm Adriana Blasco irriducibile con la toga addosso

Questo post è stato letto 3874 volte.

Nun ce vonno sta… La magistratura di Milano, cioè la pm Adriana Blasco, in base a un diverso calcolo della prescrizione spiegato con una dichiarazione di pericolosità sociale a 40 anni dai fatti ha emesso un nuovo ordine di carcerazione per Luigi Bergamin uno degli ex militanti nell’elenco delle estradizioni respinte dalla Cassazione di Parig lo scorso 28 marzo. Gli irriducibili in toga.

Dice l’avvocato difensore Giovanni Ceola:
“Penso sia una mossa prodromica a un mandato di arresto europeo per la misura di sicurezza. Ma la misura di sicurezza si sconta dopo la pena. La pena non è scontabile. E i presupposti per una estradizione sono già stati giudicati dalla corte di istruzione di Parigi. Poi esiste , per emettere un MAE un principio di proporzionalità , legato a quello di ragionevolezza. E noi paghiamo lo stipendio alle irriducibili in toga?”.

Staremo a vedere come va a finire. La sensazione è che la magistratura e la politica italiana sbatteranno la testa contro il muro. Neanche la Cassazione francese li ha convinti ad arrendersi. Siamo davanti a una determinazione e a una ferocia degne di una causa migliore. Agitano un fantasma del passato per rafforzare il potere che hanno oggi. Uniti nella lotta una volta tanto magistrati e politici come accade per il caso di Alfredo Cospito. Anche adesso in tempi di repressione senza sovversione.

(frank cimini)

Categoria: Nera