giustiziami

Cronache e non solo dal Tribunale di Milano

“La regola del lupo”, il giallo lacustre sull’amicizia firmato da Vanni

Questo post è stato letto 1910 volte.

Manca l’aria nella ‘Regola del lupo’.

Anche se sulla superficie del lago di Como luccicano le promesse della primavera, Franco Vanni, che la canna da pesca la sa impugnare bene come una penna, preferisce mettere la testa sotto l’acqua mansueta del Lario, nel punto in cui risplende il borgo di Pescallo. Quale prospettiva migliore, dall’abisso dello specchio dolce più profondo d’Italia, per scrutare il glicine appena fiorito farsi lugubre testimone all’alba di un colpo di pistola, dell’urlo di un uomo (“Lo sapevo!”) e infine di un secondo colpo.

“Il corpo di Filippo Corti era accasciato sul gommoncino, riverso a pancia in sotto. Le gambe ingombravano quasi per intero il canotto. Le braccia pendevano in acqua oltre il tubolare della prua”

E’ claustrofobica la barca a vela di Filippo Corti che tutti in paese chiamano il Filippino in dileggio al mestiere della madre, venuto da Milano a festeggiare il suo quarantesimo compleanno assieme ad Andrea Castiglioni, ex migliore amico e figlio dell’imprenditore Rocco, all’avvocato Marco Michelini, origini proletaria ed intelligenza viva e all’ereditiera Priscilla Odescalchi, una bellezza appena increspata dagli anni della loro giovinezza, passata tra feste con gli struzzi e impennate verso un futuro raggiante. 

“Il Filippino era un grandissimo figlio di puttana”, riferiscono compatti i tre amici a Salvatore Cinà detto ‘il Lupo’, il vecchio maresciallo dei carabinieri  all’ultima curva della sua vita in divisa, e all’istrionico pubblico ministero Ciro Capasso, un whisky sempre in mano per arrotondare le sue tesi investigative.

L’aria scarseggia anche tra le pagine: la scrittura fitta riempie ogni bolla, con la prepotenza  di chi ti lascia giusto un sospiro quando giri foglio.  Il furore di Vanni concentra quasi tutto in un pugno di ore, con gli interrogatori dei tre possibili colpevoli incastonati nello sguardo paziente del lago che restituiscono anche virtù e maledizioni del Filippino. Il languore delle acque, appena accese dalla stagione del glicine, rende sensuale la narrazione, esaltando le sottigliezze nei rapporti tra i protagonisti. “La regola del lupo’ diventa così anche un raffinato atlante  sentimentale sull’amicizia .

In questo scrigno chiuso, si muove però un personaggio  che con la sua freschezza fa entrare vento da tutte le finestre del romanzo. E’ Steno Molteni, 27enne cronista del settimanale ‘La Notte’ che, come nel ‘Caso Kellan’, opera precedente dell’autore, conduce un’indagine parallela a quella istituzionale. Vive sempre all’hotel Garibaldi, dove paga il vitto al signor Barzini preparando cocktail alla sera, gira su una vecchia Maserati Ghibli, con autista un amico senzatetto e tergiversa con la sexy fotografa Sabine.

Dalle sue interviste nei palazzi storici della Milano perbene, da alcuni oggetti risaliti dal fondo dove l’autore si rannicchia e da un cardellino arriveranno le folate investigative che consentiranno al ‘lupo’ Cinà di chiudere il caso per lasciare il suo ufficio e correre nell’aria profumata di glicine con la bicicletta elettrica, regalo della pensione.

“Nella caccia di un lupo esiste qualcosa di più della semplice uccisione”.

“La regola del lupo” di Franco Vanni, ed. Baldini + Castoldi, 288 pagg, è in vendita anche alla libreria Accademia, corso di Porta Vittoria 14.   

Categoria: Nera