giustiziami

Cronache e non solo dal Tribunale di Milano

Le foto dei bimbi guerrieri e quelle dei piccoli profughi morti in mare

Questo post è stato letto 2561 volte.

Due foto di bambini nell’ultima storia di terrorismo islamico raccontata da un’indagine giudiziaria. C’è quella dei 4 piccoli con la tuta mimetica e il dito puntato verso il cielo, a un paradiso che non può che essere di giocattoli: minuscoli guerriglieri inconsapevoli che riempiono di orgoglio la loro mamma, Alice Brignoli, e il papà Mohamed Koraichi, da Bulciago (Lecco) alla Siria per lo Stato Islamico. “L’immagine simbolo della vita attuale di Alice, dal momento che l’ha impostata come foto del suo profilo whatsapp!”, annotano gli inquirenti nell’ordinanza di custodia cautelare a carico dei giovani sposi foreign fighters e di altri 4 presunti jihasti. Sfugge un punto esclamativo, come di  sorpresa.

Ma c’è anche una foto sul profilo Facebook del pugile – terrorista Raim Moutaharrik, un’immagine che quasi scompare tra tutte quelle che glorificano l’esuberanza atletica del campione di kickboxing, un guerriero del ring, un ragazzo integrato, diremmo, grazie allo sport. Tanti amici italiani passano da quel profilo per lasciare le faccine col sorriso, i ‘mi piace’, gli ‘in bocca al lupo’ per le sue sfide.  Un bambino steso sulla riva del mare, un piccolo profugo, la foto che avremo potuto mettere anche noi, quanti di noi l’hanno postata in questi mesi per mettere al caldo la coscienza o per una rabbia confusa. “Io non ho più parole!!!”, scrive Raim e gli scappano tre punti esclamativi. Il senso di questa storia di bambini e di terrore è forse nei punti esclamativi: di stupore, di rabbia, di terrore.  (manuela d’alessadro)

Categoria: Terrorismo