giustiziami

Cronache e non solo dal Tribunale di Milano

Colpì Berlusconi con la statuetta, Tartaglia è libero, “percorso positivo”

Questo post è stato letto 2881 volte.

Ricordate le foto di Doina Matei su Facebook, quelle per cui la giovane assassina e detenuta modello ha perso la semilibertà? Qualcuno aveva forse sperato in un finale analogo quando Massimo Tartaglia, l’uomo che nel 2009 ferì Silvio Berlusconi con una statuetta del duomo, partecipò a un casting per interpretare il ruolo di Babbo Natale in un centro commerciale. Era dicembre 2014. La sua storia giudiziaria, fortunatamente, non ha seguito gli umori giustizialisti della folla.

Oggi il Tribunale di Sorveglianza di Milano ha rimosso l’ultimo ostacolo alla sua libertà. Cittadino speciale, Tartaglia, ancora bisognoso di cure, ma non più pericoloso, scrive il giudice agiovanna De Rosa.

Dopo il proscioglimento per totale vizio di mente, Tartaglia era stato sottoposto alla libertà vigilata. Con vincoli sempre meno stringenti, mano a mano che il suo percorso di riabilitazione e cura psichiatrica avanzava. Prima il permesso di uscire dal suo comune di residenza, poi dalla provincia di Milano. Pur con una serie di obblighi, tra cui quello di firma settimanale in commissariato. Due anni fa, un permesso speciale, concesso per rivedere il mare: nessuna foto su Facebook, per fortuna. Di “comportamento sempre adeguato” e “quadro positivo” parla il giudice nel suo provvedimento. Spiegando che il bisogno di proseguire le cure non va necessariamente di pari passo con la limitazione della libertà. E che la misura di sicurezza non è un vincolo penale. Non serve a scontare una pena, ma a rendere inoffensivo un soggetto potenzialmente pericoloso per gli altri. Cosa che Tartaglia non è più. Ora fa il giardiniere, tecnicamente manutentore del verde per conto di una cooperativa legata al centro psicosociale che lo segue. “Un percorso esemplare di riabilitazione, possibile solo perché seguito a 360 gradi”, commenta il suo avvocato, Daniela Insalaco. Mentre Berlusconi scivola lentamente verso i margini del potere politico, il suo aggressore è di nuovo libero. Questa volta non chiamatela giustizia a orologeria.

Categoria: Berlusconi, carceri