giustiziami

Cronache e non solo dal Tribunale di Milano

Podestà chiede di trasferire processo a Brescia per scontro in Procura.
E Giustiziami arriva in Cassazione.

Questo post è stato letto 3868 volte.

Guido Podestà chiede che il processo in cui è imputato per falso ideologico in relazione alle presunte firme false a sostegno della candidatura di  Roberto Formigoni alle regionali del 2010 venga trasferito per “legittimo sospetto” da Milano a Brescia “stante la evidente gravità, non altrimenti eliminabile, della situazione locale, idonea a turbare lo svolgimento del processo”. E, tra le fonti di prova che sottopone alla Suprema Corte, cita anche due articoli apparsi su Giustiziami.

In un ricorso di 13 pagine depositato alla Cassazione, i suoi legali, Gaetano Pecorella e Paolo Veneziani, ricordano che l’inchiesta è uno dei ‘casus belli’ al centro dello scontro tra Bruti Liberati e Robledo i quali avrebbero dato vita a una “anomala e irrituale duplicazione” di questo procedimento, quello iscritto per primo e archiviato – assegnato a Bruti – e quello iscritto da Robledo mentre pendeva la decisione del gip sulla richiesta di archiviazione del primo, entrambi relativi ai medesimi fatti e per le medesime ipotesi di reato”. Della doppia inchiesta la difesa di Podestà aveva già parlato invocando il principio del ne bis in idem sia in udienza preliminare che in dibattimento ma ora – si legge nell’istanza – tutto ciò trova un “senso”  alla luce dell’esposto di Robledo che ha dato il via alla contesa davanti al Csm tra i due magistrati. “Uno scontro che in soli due mesi – sottolineano i legali – ha travalicato il limite del confronto tra i due coinvolgendo, oltre all’ufficio del pm, le correnti esistenti in seno alla magistratura e determinando all’interno della sede giudiziaria milanese una situazione così grave da turbare lo svolgimento del processo a carico di Podestà”. E per dimostrare la crudezza della lotta, citano, oltre a quelli di altri giornali, anche due articoli di Giustiziami,  in particolare quello in cui riportiamo il rimprovero di Bruti al collega  perché il nostro Frank Cimini era a conoscenza dell’imminente  chiusura dell’indagine.

Su questa inchiesta, in effetti, i due litiganti se ne sono dette di ogni. Il capo ha accusato Robledo di non averlo avvisato con tempestività dell’iscrizione nel registro degli indagati del politico, mentre Robledo sostiene di di avere subito informato Bruti dell’interrogatorio della teste Clotilde Strada sul tema delle firme false raccolte dal Pdl e che l’unica reazione di Bruti sarebbe stata quella di preoccuparsi se questo poteva creare problemi al Pdl. (manuela d’alessandro)

Turci_Podestà_ricorso_ex_art._45_cpp